IN BASSA ROMAGNA…STUDENTI E DOCENTI LIBERI DALLE MAFIE!

affidato tramite appalto ad Associazione Pereira APS il servizio per la realizzazione dei laboratori formativi su mafie, corruzione ed azzardo presso le Scuole secondarie di I e II grado della Bassa Romagna - a.s. 2019/20 e 2020/21

 

IN BASSA ROMAGNA…STUDENTI E DOCENTI LIBERI DALLE MAFIE!

 
Liberi dalle mafie”, partendo dall’analisi del fenomeno criminale mafioso e corruttivo in Italia, approda ai fondamenti stessi dell’educazione civica stimolando un circolo virtuoso di Impegno e Riflessione a partire dalle giovani generazioni.
 
Attraverso differenti strumenti e stimoli, viene studiata la mafia come “mentalità” oltre che come organizzazione criminale, cercando di comprendere la “sfida di cittadinanza” che essa ci pone dinnanzi agli altri e a noi stessi.
 
I laboratori formativi con partenza verso fine novembre, sono incentrati anche sul tema dell’azzardo legale, sulla sua massiccia diffusione in Italia, sulle pesanti conseguenze in termini di benessere individuale e sociale e sulle patologie compulsive ad esso associate che drammaticamente colpiscono sempre più giovani e giovanissimi.
 
I laboratori, rivolti alle classi seconde e terze, vedono inoltre la partecipazione di significativi testimoni diretti fra i quali:
 
Antonio Anileex imprenditore calabrese, vittima di usura, che ha denunciato e portato all’arresto di numerosi ‘ndranghetisti, ora referente di S.O.S. Impresa per il sostegno degli imprenditori vittima di racket e usura
 
Donato Ungarogiornalista, ex impiegato al Comune di Brescello ed ex collaboratore de La Gazzetta di Reggio, che con le sue inchieste ha acceso i riflettori sulle collusioni mafiose e corruttive in Emilia Romagna
 
Associazione Giocatori Anonimiassociazione di auto-aiuto per giocatori patologici d’azzardo
 
Associazione Gam-Anonassociazione di familiari e amici di giocatori compulsivi d’azzardo
 
Sensibilizza sulla conoscenza e sul contrasto di ogni forma o mentalità di ignoranza e prevaricazione, in particolare in riferimento ai sempre più frequenti fenomeni di intolleranza, violenza, bullismo e cyber bullismo, dentro e fuori le mura scolastiche, inquadrabili sempre all’interno di una sorta di “cultura mafiosa”, nel macro come nel micro, in Calabria come in Emilia Romagna.
Particolare attenzione viene posta sui pericoli della dipendenza da azzardo – uno dei settori chiave delle mafie – diffusosi tra giovani e giovanissimi soprattutto attraverso siti di scommesse on-line.
 
Sono previsti inoltre momenti formativi condivisi negli istituti superiori e un complementare corso per docenti che mirano a formare e informare questi ultimi non solo su contenuti e nozioni ma anche su un approccio multidisciplinare e maieutico da “sfruttare” in aula con le rispettive classi (aldilà delle ore progettuali) al fine di arricchire l’esperienza scolastico-educativa dei ragazzi/e.
 
 
Liberi dalle mafie” è realizzato da Associazione Pereira APS
 
affidato tramite gara d’appalto dall’Unione dei Comuni della Bassa Romagna
con la preziosa collaborazione di Avviso Pubblico, Confesercenti, Sos Impresa Emilia Romagna, Arci Ravenna.

A RAVENNA…STUDENTI E DOCENTI LIBERI DALLE MAFIE!

attivato anche per l’a.s. 2019/20 il percorso multidisciplinare contro mafie e corruzione per oltre 800 fra studenti e docenti degli Istituti Comprensivi e Superiori di Ravenna

 

 
Liberi dalle mafie”, partendo dall’analisi del fenomeno criminale mafioso e corruttivo in Italia, approda ai fondamenti stessi dell’educazione civica stimolando un circolo virtuoso di Impegno e Riflessione a partire dalle giovani generazioni.
 
Sensibilizza sulla conoscenza e sul contrasto di ogni forma o mentalità di ignoranza e prevaricazione, in particolare in riferimento ai sempre più frequenti fenomeni di intolleranza, violenza, bullismo e cyber bullismo, dentro e fuori le mura scolastiche, inquadrabili sempre all’interno di una sorta di “cultura mafiosa”, nel macro come nel micro.

LA CASA DI PAOLO BORSELLINO

...e di tutti gli italiani onesti che sentono ancora il fresco profumo della Libertà

 

 
La Casa di Paolo (4’50” Italia 2015)
 
Realizzato da:
Matteo Pasi, Massimo Venieri, Fabrizio Varesco
 
Il video è stato realizzato dall’Associazione Pereira e dalla Varesco Produzioni a titolo puramente gratuito, in segno dell’amicizia e della stima per Salvatore Borsellino e per il movimento delle Agende Rosse.