STUDENTI DI BOLOGNA E RAVENNA…LIBERI DALLE MAFIE!

attivato per l’a.s. 2018/19 il percorso multidisciplinare contro mafie e corruzione per oltre 800 studenti degli Istituti Superiori di Bologna e Ravenna

 

Il progetto partendo dall’analisi del fenomeno criminale mafioso e corruttivo in Italia, approda ai fondamenti stessi dell’educazione civica stimolando un circolo virtuoso di Impegno e Riflessione, con particolare riguardo all’uso responsabile delle nuove tecnologie legate al web, e al contrasto di fenomeni quali il bullismo, l’indifferenza e ogni forma di violenza e prevaricazione.
 
Il progetto prevede fra le altre cose, nei vari territori, l’incontro e la testimonianza diretta di:
 
Donato Ungaro – giornalista, ex impiegato al Comune di Brescello e collaboratore de La Gazzetta di Reggio, che con le sue inchieste ha acceso i riflettori sulle collusioni mafiose nella provincia di Reggio Emilia. Per la sua attività giornalistica gli è stato riconosciuto il prestigioso Premio Giorgio Ambrosoli 2018
 
Giuliano Palagi – Direttore di Acer Bologna e membro della commissione consultiva permanente di Avviso Pubblico. Enti locali e Regioni per la formazione civile contro le mafie, per la prevenzione e il contrasto a mafie e corruzione
 
Giulia Migneco – Responsabile Comunicazione di Avviso Pubblico, esperta delle tematiche relative alla diffusione dell’Azzardo e alle attività di riciclaggio del denaro sporco tramite questo settore
 
Associazione Gam-Anon – associazione di familiari e amici di giocatori compulsivi