< Indietro

BOLOGNA CONTRO MAFIE E CORRUZIONE…CON PIERCAMILLO DAVIGO!

evento finale del progetto "Liberi dalle mafie" che ha coinvolto oltre 800 studenti degli Istituti Superiori di Bologna e Ravenna

 

<strong>BOLOGNA CONTRO MAFIE E CORRUZIONE…CON PIERCAMILLO DAVIGO<strong>!

Il progetto ha visto quest’anno anche la preziosa collaborazione di AVVISO PUBBLICO – Enti locali e Regioni per la formazione civile contro le mafie, che ha contribuito con l’identificazione di testimoni diretti, in particolare funzionari pubblici minacciati nell’esercizio delle loro funzioni, per l’incontro diretto con gli studenti al termine del percorso formativo.
 
Grande attenzione è stata posta all’infiltrazione delle mafie in Emilia Romagna, con particolare riguardo al settore dell’azzardo, inteso come strumento di riciclaggio del denaro sporco delle mafie, oltre che vera e propria emergenza sociale e sanitaria a livello nazionale
 
Il progetto ha visto la partecipazione di:
 
n. 7 Istituti Scolastici Superiori di Bologna e provincia: L. Da Vinci (Bologna); R. Luxemburg (Bologna); F. Arcangeli (Bologna); O. Belluzzi (Bologna); A. Fioravanti (Bologna); E. Majorana (San Lazzaro di Savena); Archimede (San Giovanni in Persiceto)
 
n. 7 Istituti Scolastici Superiori di Ravenna e provincia: C. Morigia (Ravenna); L. Perdisa (Ravenna); C. Callegari (Ravenna); N. Baldini (Ravenna); A. Oriani (Ravenna); A. Oriani (Faenza); P. Artusi (Riolo Terme)
 
 
Liberi dalle mafie” è promosso e realizzato dall’Associazione Pereira
 
Con il contributo di:
Fondazione Del Monte di Bologna e Ravenna
La BCC – Credito cooperativo ravennate, forlivese e imolese
 
Con il patrocinio di:
Comune di Bologna – Sindaco
Comune di Ravenna – Assessorato Pubblica Istruzione
 
In collaborazione con:
Avviso Pubblico
Sos Impresa – Emilia Romagna
Confesercenti – Ravenna
Libera – Bologna e Ravenna
Associazione Paolo Pedrelli – Bologna
Le Terre di Don Peppe Diana – Castel Volturno
La Casa di Paolo – Palermo
 
 
(in foto, Giancarlo Siani, giornalista di Napoli assassinato dalla camorra nel 1985)

< Indietro